Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Per maggiori informazioni visita la pagina sull'utilizzo dei cookies in questo sito. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Read our Privacy for more information or close this message and accept terms of use.

Domenica, 01 Aprile 2018 09:28

Un'opera al mese 2018. Nuovi modi di narrare la bellezza dell'arte con docenti, critici ed esperti

copertina 2018 un'opera al meseAl via il ciclo di incontri “Un’opera al mese 2018”, previsto anche il coinvolgimento degli studenti del Liceo artistico

Con il professor Renzo Margonari, storico dell’arte, critico e socio dell’Accademia Nazionale Virgiliana che presenterà un autentico capolavoro di Vindizio Nodari Pesenti, il dipinto “Profumo”, proveniente dai depositi di Palazzo Te, prende il via venerdì 19 gennaio alle 18 a Palazzo Te la seconda edizione dell’iniziativa “Un’opera al mese 2018”, rassegna annuale, con appuntamenti mensili, dedicata a far conoscere ai Mantovani e ai turisti alcuni dei capolavori esposti a Palazzo Te, a Palazzo San Sebastiano, a Palazzo Ducale e al Museo Diocesano “Francesco Gonzaga”.

La rassegna, ideata dal direttore dei Musei Civici Stefano Benetti, è promossa dal Comune di Mantova con i suoi Musei e dall’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani.

Con l’ausilio di contributi scientifici di autorevoli specialisti del settore provenienti da prestigiose istituzioni museali e culturali italiane, il pubblico sarà condotto all’osservazione diretta di un’opera e alla sua conoscenza.

Si tratta, dunque, di un’iniziativa che coniuga la qualità dell’offerta culturale con nuovi modi di comunicare l’arte, allo scopo di rendere sempre più partecipe il pubblico di ogni età ed interesse della bellezza conservata nei nostri musei, coniugando rigore scientifico e spirito divulgativo. Un percorso non canonico, dunque, per promuovere la conoscenza del patrimonio artistico mantovano, con uno sguardo rivolto al tema della necessità di salvaguardare e valorizzare i beni culturali.

Gli incontri saranno dieci e si terranno tra il 19 gennaio e il 14 dicembre in un viaggio nell’arte che toccherà tutte le epoche, dall’antico al contemporaneo, passando attraverso il periodo rinascimentale, con opere - dipinti, sculture, testimonianze archeologici - provenienti dalle collezioni Mesopotamica “Ugo Sissa”, Egizia “Giuseppe Acerbi”, di Arte moderna e contemporanea di Palazzo Te e da quelle medioevale e rinascimentale di Palazzo San Sebastiano. Due appuntamenti inoltre coinvolgeranno opere esposte in Palazzo Ducale al Museo Diocesano “Francesco Gonzaga”.

Il parterre degli studiosi coinvolti è di assoluto valore.

Oltre al professor Margonari, interverranno Alessandra Zamperini, storica dell’arte presso il Dipartimento Culture e Civiltà dell’ Università degli Studi di Verona; Leandro Ventura, storico dell’arte presso il Mibact; Gianni Marchesi, assiriologo presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università degli Studi di Bologna; Enrico Dal Pozzolo, storico dell’arte e Patrizia Basso, archeologa entrambi presso il Dipartimento di Culture e Civiltà dell’Università degli Studi di Verona; il direttore dei Musei Civici di Mantova Stefano Benetti, lo storico dell’arte Bernardo Falconi, accademico dell’Ateneo di Brescia - Accademia di Scienze Lettere ed Arti; Monica Molteni, storica dell’arte presso il Dipartimento di Culture e Civiltà dell’Università degli Studi di Verona; Daniela Picchi, curatrice della Sezione Egizia del Museo Civico Archeologico di Bologna; Chiara Buss, docente di Storia dei tessili all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Margaret Rose, docente di Storia del teatro inglese presso l’Università La Statale di Milano e drammaturga.

Le istituzioni museali e culturali italiane che hanno collaborato all’iniziativa sono:

l’Accademia Nazionale Virgiliana, l’Università degli Studi di Verona, Dipartimento Culture e Civiltà, il MIBACT, l’Università degli Studi Bologna, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, l’Ateneo di Brescia-Accademia di Scienze Lettere ed Arti, il Complesso Museale di Palazzo Ducale, il Museo Civico Archeologico di Bologna, il Museo Diocesano “Francesco Gonzaga”, l’Università La Statale di Milano.

Al via, da quest’anno anche “Un'opera al mese Young edition”, rassegna di “Un’opera al mese” per la scuola, che vedrà coinvolto il Liceo d'Arte Giulio Romano di Mantova e Guidizzolo.
Il progetto, ideato da Stefano Benetti, è stato costruito con la dirigente scolastica del Liceo d'Arte, Alida Irene Ferrari, in collaborazione con i docenti dell’Istituto, la Sezione Didattica dei Musei Civici e il Gruppo Giovani dell’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani.

Nei giorni successivi agli appuntamenti mensili di “Un’opera al mese”, gli studenti del Liceo parteciperanno ad attività di studio e laboratoriali che forniranno chiavi di lettura per un approccio attivo e coinvolgente alle dinamiche che animano il museo e alle collezioni museali. In questa occasione, i ragazzi avranno la possibilità di esaminare l’opera scelta in maniera diretta, conoscendone aneddoti e retroscena, visitare i depositi dove sono custodite le raccolte d’arte e visionare materiali inediti.

Si comincerà il 20 gennaio nella Sala dei Cavalli di Palazzo Te con l'opera “Profumo” di Vindizio Nodari Pesenti.